Post-Millenials vs. Infinite Jest

Jest infinito. Da Peter Allen Clark.

I miei ricordi degli anni '90 sono scarsi, perché era quando sono nato. Come me, il romanzo di David Foster Wallace Infinite Jest è apparso nel mondo nel 1996 ed è cresciuto nell'era eruttiva di smartphone, social media e personal computer.

Questa osservazione insipida e egocentrica sottolinea il seguente punto: i tempi in cui il lavoro è stato scritto sono radicalmente diversi da quando ho finito il romanzo, che non era più di un mese fa. Tuttavia, come scrive Tom Bissell in vista dell'edizione del 20 ° anniversario di Infinite Jest, le idee di Wallace su dipendenza, adorazione e intrattenimento si sono ampliate di importanza solo con la portata sempre più totalizzante della tecnologia e del tempo libero.

I Millenial avevano televisori a scatola, cassette e cartucce. Io, un membro borderline della Generazione Z (o un "post-millenial"), ho YouTube, i videogiochi per console e lo streaming musicale. Mentre la generazione televisiva era soggetta al contenuto che le aziende hanno scelto di visualizzare sui loro schermi, i post-millenial hanno avuto un controllo pressoché infinito su ciò che consumiamo. In effetti, ciò che le aziende del 21 ° secolo hanno iniziato a monetizzare è la scelta del consumatore in sé e per sé. In costante competizione per la nostra attenzione freneticamente sottile, le aziende ci offrono ordine nel mare digitale del caos attraverso questa scelta, e quindi l'identità personale.

Nonostante questi cambiamenti, ora abbiamo la peggiore crisi di oppiacei nella storia americana. La prevalenza della malattia mentale è in aumento. Abbiamo eletto Donald Trump.

E parlando di Trump (non sarei il primo a fare il paragone con il presidente Johnny Gentle che sputa la melma di Infinite Jest), parliamo di cartoni animati. Direi che gli spettacoli televisivi sono cambiati un po 'di proposito. I cartoni animati che i Millenial guardavano, non solo i letterali cartoni animati del sabato mattina, ma anche sitcom sciocchi e melodrammi malamente sinceri, servivano come puro intrattenimento e quindi come una fuga innocua dalla vita.

I contenuti video ora, siano essi programmi TV Netflix o vlog di YouTube o clip Twitter di 30 secondi, o almeno il modo in cui interagiamo con tali contenuti, si sono in gran parte allontanati dalla raison d’être, vale a dire da divertire.

Anche il contenuto più sciocco sembra avere sempre una serietà sottostante. Guarda spettacoli come Bojack Horseman o Rick and Morty, in cui i cartoni animati sono i nostri modi per parlare di depressione e solitudine. Guarda i meme di Internet, che offrono ai giovani un mezzo inaspettato ma soprattutto comodo per esprimere le loro ansie. Il contenuto è diventato sorprendentemente autocosciente.

Il consumo stesso è diventato intensamente personale. La conoscenza umana è sempre sembrata infinita, ma ora anche l'accesso a quella conoscenza sembra infinito. Il risultato, almeno per quanto riguarda Internet (anche se lo vedo estendersi all'educazione e alla politica), è che gli individui possono possedere e coltivare spazi per uno strano ma intenso narcisismo.

Questo narcisismo non è intrinsecamente una cosa negativa. In molti modi, soddisfa un desiderio culturale di vecchia data per autenticità e conoscenza di sé. Tuttavia, la consapevolezza che il narratore di Infinite Jest inciampa è che il narcisismo e la tecnologia e un sacco di tempo libero sono ingredienti per l'adorazione di sé.

E non si tratta solo di persone che adorano le proprie immagini e personaggi, ma anche persone che adorano l'idea stessa del Sé e la conservazione dell'ego. I personaggi di Infinite Jest sono privati ​​di questo senso di un "io" e cercano di compensare questa mancanza con varie dipendenze, a cui sono letteralmente persi.

Il personaggio che si avvicina di più a se stesso è James Incandenza (letteralmente indicato come "Se stesso" dalla sua famiglia), padre del protagonista Hal e creatore di Entertainment. A differenza degli altri personaggi, che consumano solo sostanze che creano dipendenza, James in realtà crea il suo. Questa capacità di creare, e quindi di manipolare, è ciò che gli permette di realizzare l'intrattenimento più infinitamente avvincente e quindi fatale di tutti: una vera espressione del Sé.

Il dono che James dà a suo figlio, dal momento che non dà mai ad Hal alcun tipo di consiglio verbale (molto simile a quello che James Joyce fa per Wallace), è questa capacità di "scherzare". Tuttavia, il narratore si rende conto che l'atto di creazione di James è non abbastanza per trascendere l'attrazione della dipendenza, nel suo caso di alcol. Questo, come è il problema nei nostri tempi moderni, è perché James "scherza" solo per se stesso. O almeno, immagina l'Intrattenimento come la distillazione di un perfetto "Se stesso".

Questa è almeno la mia interpretazione di Infinite Jest ed è di costante rilevanza. Siamo diventati giullari delle nostre stesse corti, spostando i pezzi degli scacchi nei nostri ambienti digitali per nutrire e riprodurre il nostro senso del Sé. Questa è la forma suprema e perniciosa dell'adorazione perché il Sé, come ogni cosa nella vita umana, non è mai abbastanza.

Penso che sia facile fraintendere Infinite Jest dicendo che la soluzione, o almeno la migliore alternativa alla dipendenza, è un salto di fede nella preghiera banale e nei cliché sinceri. Se così fosse, non credo che continueremo a leggere il romanzo nel 2018.

Piuttosto, dovremmo essere consapevoli dei sentimenti e delle intenzioni umane di base sotto i cliché o piuttosto, sotto i meme di Internet, i vlog di YouTube e forse gli elettori dall'altra parte della navata. Comprendi che tutti sono, in questa era in cui l'atto della creazione è sempre più democratizzato, un po 'alla disperata ricerca di una connessione. Questo, direi, è un passo verso un equilibrio tra narcisismo ed empatia nell'era attuale e iniziare a rispondere ad alcune delle domande più grandi di Infinite Jest. Dove sono in questo casino? Cosa significa essere parte di una comunità? Cosa significa vivere una vita onesta e dignitosa?

Se ti è piaciuto il mio modo di scrivere, ti prego di supportarmi su Patreon: https://www.patreon.com/xichen