Prestiti P2P decentralizzati: servizi vs. reti

Ma inizieremo con una breve panoramica di ...

Il prestito peer-to-peer (crowdfunding) è un sistema finanziario alternativo, la cui essenza è fornire a singoli prestatori e mutuatari un modo per prestare denaro a persone non collegate o parti uguali, senza coinvolgere un intermediario finanziario tradizionale.

Questo metodo di prestito individuale ha una lunga storia ed è persino culturalmente tradizionale in alcune regioni del mondo. Ma nelle manifestazioni moderne, di solito si trova sotto forma di piattaforme online specializzate che riuniscono coloro che sono disposti a prestare con coloro che vorrebbero prendere in prestito. Poiché tali siti Web operano esclusivamente online, hanno un costo fisso inferiore e inferiore e, pertanto, possono fornire i loro servizi in modo più economico rispetto agli istituti finanziari tradizionali.

Di conseguenza, i mutuatari possono guadagnare più degli interessi sui depositi e altri prodotti di investimento offerti dalle banche e i mutuatari possono ottenere un prestito con tassi di interesse più bassi. Ciò sta anche prendendo in considerazione la commissione del prestatore di prestiti P2P stesso, che addebita per i suoi servizi di riunire i mutuatari con i finanziatori, nonché il servizio di controllo del merito creditizio di un mutuatario.

Si prevede che entro il 2050 l'industria globale dei prestiti P2P raggiungerà un fatturato annuo di 1 trilione di dollari.

Questo è anche un grande momento per creare piattaforme di prestito P2P decentralizzate, poiché sempre più paesi stanno iniziando a regolare le loro industrie di prestito P2P. In paesi come Stati Uniti, Canada, Australia e Germania (dove l'industria è già regolamentata), è già diventato un popolare modello di finanziamento alternativo. In questi paesi, circa il 25% della popolazione utilizza già prestiti P2P decentralizzati per prendere in prestito fondi.

Anche la Cina (dove il P2P è ampiamente non regolamentato) e l'India (dove fino a poco tempo fa il P2P è stato ampiamente autoregolato) hanno anche un mercato P2P potenzialmente enorme. Poiché sempre più paesi riconoscono il P2P come opzione di finanziamento tradizionale, le startup in questo settore avranno solo un aspetto migliore.

Un sistema di credito decentralizzato è un'idea molto interessante, soprattutto se confrontato con sistemi convenzionali legati a grandi istituti di credito. Tuttavia, ha anche i suoi problemi innati.

In particolare, gli investimenti del creditore in prestiti P2P di solito non sono protetti da alcuna garanzia del governo. In alcuni servizi, i finanziatori possono tentare di ridurre il rischio complessivo diversificando i loro investimenti tra diversi mutuatari e di ridurre il rischio di crediti inesigibili, avendo la possibilità di scegliere i mutuatari ai quali erogare prestiti. Ma poi sorge la domanda: quali informazioni costituiscono la base per fare questa scelta? Alcuni servizi di prestito P2P utilizzano soluzioni esterne Know-Your-Customer (KYC) nonché soluzioni per determinare il rating del credito di potenziali mutuatari. In altre parole, si deve arbitrariamente fare affidamento sulle decisioni di terzi fidati.

Altri problemi includono la limitata scalabilità dei servizi di prestito P2P locali su scala internazionale. Ciò si collega ai suddetti problemi delle garanzie di rimborso del prestito, nonché alle questioni normative (le norme e le normative variano da paese a paese). C'è anche del lavoro da fare per accelerare il processo di concessione dei prestiti, ecc.

Inoltre, nonostante la presunta decentralizzazione delle piattaforme di prestito P2P, mantengono ancora un certo grado di centralizzazione. In particolare, tutti i record e i dati identificativi sono archiviati e mantenuti dalla parte centrale, lasciando spazio a errori o manipolazioni umani. Questo punto può anche impedire la crescita e la copertura di una piattaforma poiché la centralizzazione rende un sistema più vulnerabile alle normative a livello regionale. Queste normative possono differire in modo significativo da Paese a Paese, il che rende le cose ancora più difficili.

E questo è solo un piccolo esempio dei problemi che devono affrontare i tradizionali servizi di prestito P2P; che, a proposito, sono in un modo o nell'altro caratteristici di tutte le istituzioni finanziarie tradizionali. Nel complesso, non solo rallentano l'attività, ma riducono anche la possibilità di ridimensionamento.

Tuttavia, c'è speranza che la tecnologia blockchain risolva la maggior parte di questi problemi.

Innanzitutto, la proprietà del decentramento, già inerente al settore P2P, lo rende il caso d'uso naturale della blockchain. Inoltre, la trasparenza, l'uguaglianza dei tassi di interesse e una migliore analisi della due diligence rendono l'uso della tecnologia blockchain nel settore dei prestiti P2P una soluzione adatta sia per i finanziatori che per i mutuatari.

Non sorprende che abbiamo già assistito alla comparsa dei primi servizi di prestito P2P sulla blockchain. Consideriamo alcuni di essi. Li divideremo in diversi gruppi e inizieremo con soluzioni di prestito P2P da criptovaluta a fiat, prima di prendere in considerazione soluzioni di prestito P2P di pura criptovaluta. Infine, scopriremo come differiscono tutti dalle reti di credito decentralizzate.

SALT (Secure Automated Lending Technology) è una piattaforma di credito criptovaluta centralizzata. Attualmente, SALT è il leader nel regno dei prestiti basati su blockchain.

Il SALT si differenzia concentrandosi sui prestiti in contanti istituzionali, che sono supportati dalla criptovaluta, mentre molti altri progetti in questo settore utilizzano un approccio peer-to-peer puro. Tuttavia, entrambe le opzioni dovrebbero avere un posto nel mercato. Inoltre, SALT compete con piattaforme più tradizionali che forniscono prestiti garantiti da asset crittografici, ma non utilizzano un token specifico.

Sulla base di questo, il vantaggio principale per i mutuatari SALT è la possibilità di prendere in prestito contanti FIAT dalla sicurezza delle loro attività di criptovaluta, che appare più pratico per le persone comuni in termini di esigenze quotidiane rispetto alle semplici soluzioni di prestito di criptovaluta. Questo è esattamente ciò che porta al fatto che il prestito P2P deve imporre requisiti più rigorosi ai suoi utenti.

Innanzitutto, questo servizio è disponibile solo per i clienti in 33 stati degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Nuova Zelanda. Pertanto, i potenziali utenti in altre parti del pianeta sono costretti a cercare altri servizi (simili), che in generale non contribuiscono al ridimensionamento, nonché all'interoperabilità, come abbiamo menzionato sopra.

In secondo luogo, puoi diventare un prestatore solo se sei un investitore accreditato. Negli Stati Uniti, ciò richiede la possibilità di dimostrare un patrimonio netto di almeno $ 1 milione. Infine, SALT richiederà a un cliente di sottoporsi alla convalida KYC / AML (Know-Your-Customer / Anti-Laundering) prima di poter creare contratti nel servizio.

Il processo di prestito SALT differisce da quello di ETHLend (vedi sotto) solo nel fatto che una criptovaluta sostiene prestiti di denaro FIAT nel sistema SALT, a differenza delle pure operazioni basate su criptovaluta in ETHLend. Dopo che i termini del prestito sono stati concordati e approvati, il prestatore effettuerà un deposito (ad esempio, dollari USA) sul conto bancario del mutuatario, mentre il contratto intelligente bloccherà la criptovaluta del mutuatario. Il mutuatario sarà obbligato a effettuare rimborsi in dollari USA su base regolare; e in caso di inadempienza, i suoi beni crittografici saranno trasferiti al creditore. Oggi, il prestito accetta solo etere (ETH) e bitcoin (BTC) come garanzia.

I token SALT, noti anche come token di appartenenza, sono token ERC-20 che un utente spende per diventare un membro della piattaforma di prestito SALT. Inoltre, è possibile utilizzare questi token per rimborsare gli interessi sui prestiti, ottenere tariffe migliori e acquistare beni nel negozio online SALT.

In generale, il progetto Nexo ha seguito quasi gli stessi passi del SALT, sfruttando le dure lezioni apprese da quest'ultimo. Come con SALT, i token Nexo possono essere utilizzati per tassi di interesse scontati e rimborsi di prestiti; possono anche essere utilizzati come garanzia e, secondo il sito Web Nexo, prevedono addirittura di pagare alcuni dei loro profitti ai titolari.

Il processo di approvazione del prestito è completamente automatizzato, il che consente ai mutuatari di ricevere immediatamente i fondi presi in prestito. Nexo ha anche annunciato piani per l'emissione di prestiti in tutto il mondo, anche in "almeno" 36 Stati degli Stati Uniti. I piani prevedono anche la possibilità di utilizzare token ERC-20 come garanzia e di emettere una carta di credito crittografica.

Al momento, i depositi possono essere effettuati in una gamma di criptovalute tra cui BTC, ETH e NEXO. I rimborsi di prestiti possono essere effettuati in dollari USA o euro, nonché nelle criptovalute.

Nexo si riserva il diritto di modificare il rapporto prestito / valore a propria discrezione in base alla volatilità storica e alla liquidità del mercato di un'attività. Attualmente, i rapporti prestito / valore sono i seguenti:

BTC: 50%

ETH: 50%

XRP: 40%

Nexo: 30%

In sostanza, questo significa che se depositi 2 bitcoin come garanzia, Nexo ti presterà denaro FIAT per un valore totale di 1 bitcoin (ovvero il 50% di ciò che hai dato loro).

I prestiti Nexo hanno una politica dei tassi di interesse piuttosto semplice: 16% o 8% all'anno. I tassi di interesse non si basano sulla dimensione o sulla durata di un prestito e non dipendono dal rating creditizio del debitore. Un prestito del 16% annuo è la tariffa standard che tutti pagano. Tuttavia, può essere ridotto all'8% per uno dei due motivi: primo, se il mutuatario utilizza il token Nexo come garanzia per il prestito; secondo, se ripaga il prestito usando i token Nexo. L'interesse di Nexo non è aggravato e viene addebitato quotidianamente sul conto del debitore. Non sono dovuti pagamenti di interessi durante la durata del prestito, pertanto un mutuatario non deve effettuare alcun rimborso mentre il prestito è in essere.

Vantaggi del servizio: il modello di prestito Nexo non ha commissioni e ha un tasso di interesse fisso. Ciò fornisce un vantaggio competitivo rispetto alle SALT e offre una certa stabilità alle fluttuazioni del mercato.

Contro: Sebbene la società affermi di offrire prestiti all'8%, in realtà, questa è solo una trovata pubblicitaria. Nella maggior parte dei casi, la cifra reale sarà in media due volte più grande.

La startup argentina Ripio ha facilitato i microcrediti P2P per oltre 200.000 utenti in Argentina, Brasile e Messico. Dopo aver attratto 37 milioni di dollari durante l'ICO nel 2017, Ripio è diventato una di quella razza rara: un'azienda crittografica con un prodotto finanziario funzionante. I fondi raccolti dall'ICO sono stati utilizzati per creare il proprio servizio di prestito P2P che collega in modo efficiente singoli mutuatari e istituti di credito in tutto il mondo utilizzando contratti intelligenti.

I piani attuali prevedono il pieno dispiegamento del servizio di micro-prestiti per seguire il beta test, in cui più di 800 clienti in Argentina hanno ricevuto prestiti. Ripio ora sostiene che ci sono già diverse migliaia di istituti di credito che erogano prestiti in valute locali tramite la loro piattaforma, equivalenti tra $ 150 e $ 750. Questi istituti di credito provengono principalmente dal continente asiatico e aiutano a finanziare persone in tutto il Sud America.

A differenza dei servizi di prestito e scambio più simili, gli utenti non criptati della criptovaluta possono accedere a nuovi servizi di prestito Ripio. Il mercato sudamericano è noto per una relazione diversificata e spesso estremamente complessa con il settore finanziario. Ad esempio, i recenti rapporti della Banca mondiale mostrano che fino al 54% della popolazione adulta della Colombia non utilizza servizi bancari e fino al 30% in Brasile. Il sondaggio interno di Ripio ha rilevato che il 19% dei suoi utenti non aveva una carta di credito. Hanno usato i minimarket per depositare denaro e ricaricare i loro portafogli. Tuttavia, grazie al servizio di credito Ripio, tali persone hanno ora l'opportunità di tenere un registro permanente dei loro pagamenti del debito, che può aiutarli a ricevere altri servizi finanziari in futuro.

Ripio prevede di espandere i propri servizi ai mercati in Uruguay, Cile e Colombia, sebbene ciò dipenda dal superamento di una serie di restrizioni normative locali. Allo stesso tempo, l'instabilità politica ed economica, un contesto normativo opaco e problemi di sicurezza hanno impedito al servizio di entrare nel mercato venezuelano.

Nonostante il fatto che i mutuatari ottengano i loro micro-prestiti nelle valute FIAT, il servizio Ripio è supportato dal proprio token - RCN. Il prestatore invia il prestito tramite RCN. In quel momento, un taglio va a tutte le parti coinvolte, compresi agenti di rating del credito, servizi di verifica dell'identità, esternalizzatori, ecc., Prima che Ripio lo converta nuovamente in Fiat e quindi consegna i fondi a un mutuatario specifico.

Gli estensori sono una funzione di sicurezza che protegge i finanziatori dai crediti inesigibili: il garante del mutuatario. Ciò migliora i termini del contratto e mantiene l'accesso al sistema legale locale del mutuatario, garantendo il prestito in caso di inadempienza del debitore.

Nel complesso, questo servizio risolve molto chiaramente i problemi specifici di una particolare regione, e questo è il suo indubbio vantaggio. La questione di quanto sia applicabile questa soluzione, al di fuori della regione, e la sua scalabilità globale rimangono aperte.

BlockFi, un altro partecipante alla corsa al prestito P2P, è un concorrente recente con un onere molto più piccolo. A differenza di altre piattaforme, BlockFi non ha condotto un ICO: tutti i finanziamenti sono stati effettuati da investitori istituzionali. "La raccolta di fondi da questo pubblico comporta requisiti rigorosi e diligenza sulla nostra piattaforma", ha affermato un rappresentante BlockFi. "Questo ci richiede di essere il creditore più affidabile e affidabile nello spazio."

Poiché non vi era offerta iniziale di monete, anche il token BlockFi non esiste. BlockFi afferma che questo li salva dal problema di un'altra criptovaluta: “Non è necessario alcun token di utilità in un modello di business di prestito. Avere uno crea un conflitto di interessi e un'esperienza utente confusa. "

La società si sta attivamente diffondendo in nuove giurisdizioni. Recentemente è entrato in California e nel Maryland e, in totale, offre i suoi servizi in 45 stati degli Stati Uniti.

I vantaggi includono il fatto che l'azienda fornisce alcuni dei prezzi più bassi sul mercato. I prestiti sono rapidi, pagano circa il 13% all'anno e possono fornire una leva del 35% circa.

Contro: la società è spudoratamente centralizzata. A differenza del SALT, non associano i finanziatori ai mutuatari; BlockFi è il prestatore.

Nel complesso, le soluzioni di prestito da criptovaluta a FIAT sono più simili ai tradizionali servizi di prestito P2P semi-centralizzati, con quasi tutti i loro problemi e svantaggi associati. In realtà, agiscono come terze parti e si impegnano nelle operazioni di prestito tra i loro clienti. L'unica differenza rispetto ai normali servizi di prestito P2P è che non limitano gli utenti a lavorare con fiat, ma facilitano l'uso delle criptovalute e usano anche il proprio token per vari servizi e incentivi aggiuntivi per i clienti. D'altra parte, la possibilità di ottenere denaro per le garanzie di criptovaluta è un'opzione molto interessante, che è attualmente più richiesta nella vita reale rispetto ai prestiti di criptovaluta puri.

ETHlend

ETHlend è anche una piattaforma di credito decentralizzata per criptovaluta, ma, a differenza di SALT e Nexio, opera esclusivamente tramite contratti intelligenti Ethereum. Pertanto, ETHlend non archivia mai i fondi o le attività dei suoi utenti. Inoltre, ciò significa che quando stipulano un contratto tramite ETHlend, i mutuatari e i finanziatori possono utilizzare solo beni basati su ETH o ETH (ad esempio token ERC-20), come OmiseGo, Augur, ecc.

Questo è forse il più grande svantaggio di un puro ecosistema di criptovaluta. La maggior parte di noi fa ancora affari in valuta FIAT e molto probabilmente vorrà ricevere prestiti al suo interno: dollari USA, euro o qualche altra valuta locale. Ma, naturalmente, dovremmo ricordare che aggiungendo una valuta FIAT all'equazione, aumentiamo il livello di centralizzazione, che ha lati positivi e negativi.

D'altra parte, un ecosistema di criptovaluta completamente decentralizzato molto probabilmente non rispetterà la maggior parte delle leggi di un paese o di uno stato. Tuttavia, creerà un sistema molto più accessibile per le persone di tutto il mondo.

Il processo di prestito presso ETHlend è abbastanza semplice.

Quando si crea un contratto intelligente, ETHLend richiede ai mutuatari di inviare token compatibili con ERC-20 o domini Ethereum Name Service (ENS) come garanzia per i prestiti ETH in caso di inadempienza del debitore. Attualmente, solo i mutuatari possono creare richieste di prestito per ETHLend. Per presentare una richiesta di prestito, il mutuatario deve stabilire dati quali la durata del prestito, il tasso di interesse e il numero di token richiesti per la garanzia. Se il creditore accetta queste condizioni, verrà creato un contratto di prestito e il finanziatore sarà in grado di inviare il proprio ETH.

Inoltre, il mutuatario rimborsa il debito, conformemente al contratto, più gli interessi sul prestito, inviandoli a un contratto intelligente. Il creditore riceve il suo ETH e gli interessi dal contratto intelligente, e i token impegnati vengono sbloccati e rispediti al mutuatario. Nel caso in cui il mutuatario non possa rimborsare il proprio prestito, il prestatore riceverà la garanzia annunciata del mutuatario sotto forma di token, che potrà disporre a sua discrezione.

Il token LEND ETHLend è un token compatibile ERC-20 che è stato venduto come parte di un'offerta pre-vendita e un ICO. Il token LEND svolge diverse importanti funzioni nella dApp. In particolare, gli utenti dei token LEND riceveranno uno sconto del 25% sulla commissione per la piattaforma rispetto al pagamento tramite Ethereum. Sebbene i token LEND possano essere acquistati e venduti negli scambi di monete, l'uso principale di LEND è quello di creare uno sconto quando si pagano le commissioni per la distribuzione della dApp ETHLend.

Airdrops trimestrali saranno distribuiti a istituti di credito e mutuatari attivi. ETHLend prevede di utilizzare il 20% delle commissioni decentrate dalle domande di deposito per l'acquisto di prestiti dal mercato e di distribuire tale prestito tra tutti i finanziatori e i mutuatari su ETHLend. Gli airdrops verranno utilizzati per aumentare l'accettazione da parte dell'utente, nonché per aumentare i volumi di prestito. Inoltre, determinati servizi su ETHLend saranno disponibili solo per l'acquisto per LEND. Esempi di questi servizi sono elenchi di prestiti in primo piano, nonché campagne di email marketing. Infine, ETHLend prevede di utilizzare ulteriormente LEND per premiare i finanziatori e i mutuatari, che invitano nuovi membri alla piattaforma di prestito decentralizzata (bonus di riferimento).

ETHLend prevede inoltre di offrire prestiti non garantiti ai propri utenti in futuro, ovvero prestiti in cui il mutuatario non fornisce alcuna garanzia. Tali prestiti sono molto più rischiosi per il creditore. Per aiutare i finanziatori ad affrontare le difficoltà di valutazione del rischio sottostante dei prestiti non garantiti, ETHLend prevede di creare un rating creditizio decentralizzato per tutti i suoi utenti. In breve, i mutuatari di ETHlend saranno in grado di costruire la loro reputazione nel tempo, in quanto rimborsano con successo i prestiti.

Ogni mutuatario ETHLend avrà un rating creditizio decentralizzato creato da diverse fonti di dati. La principale fonte di dati per questi rating creditizi sarà Credit Tokens (CRE), che sarà emessa dalla stessa ETHLend. I token di credito sono token ERC-20 speciali che verranno utilizzati esclusivamente su ETHLend per rappresentare la reputazione del mutuatario. Questi token non possono essere scambiati o trasferiti a un altro indirizzo. Più token di credito sono associati a un account utente, più affidabile è l'account. Per ogni 1 ETH preso in prestito che l'utente ripaga correttamente, l'utente riceverà 0,1 CRE. Inoltre, ETHLend prevede di "bruciare" token di credito da conti che non possono rimborsare i prestiti. Un utente con una grande quantità di CRE sarà in grado di ottenere prestiti a cui un altro utente con una bassa quantità di CRE non potrebbe avere accesso. Gli utenti con importi CRE più elevati saranno premiati con tassi di interesse migliori e dovranno inoltre fornire livelli più bassi di garanzia per prestiti simili rispetto agli utenti con CRE più bassi.

I prestiti basati sulla reputazione consentiranno a ETHlend di introdurre il concetto di prestiti non garantiti agli utenti, oltre a fornire maggiori informazioni ai potenziali finanziatori. Inoltre, ETHLend prevede di offrire agli utenti l'opportunità di trasmettere il loro rating del credito decentralizzato ad altre blockchain. I mutuatari saranno quindi in grado di utilizzare il loro meritato merito di credito nelle applicazioni su altri ecosistemi.

In ogni caso, il servizio ETHlend rimarrà chiuso all'interno dell'ecosistema Ethereum.

Elix

Elix è un'altra piattaforma basata su Ethereum per prestiti, crowdfunding e pagamenti. Gli sviluppatori si concentrano principalmente su piattaforme mobili e usabilità per attirare fin dall'inizio una base di utenti il ​​più ampia possibile.

Non considereremo qui la funzionalità di pagamento e crowdfunding di questa soluzione, ma ci concentreremo solo sul suo aspetto del prestito.

L'unicità di questo sistema sta nel fatto che Elix offre un programma di prestito peer-to-peer basato su incentivi reciproci per il creditore e il mutuatario. Nei sistemi di credito tradizionali, il mutuatario paga il creditore attraverso una serie di rate nel tempo. Oltre a rimborsare la somma del prestito stesso, queste rate includono anche il tasso di interesse specificato nelle condizioni del prestito. Tale sistema non prevede alcun incentivo aggiuntivo per il mutuatario di rimborsare il debito in tempo, ad eccezione del rischio di trattare con gli esattori.

In Elix, sia il prestatore che il mutuatario sono incentivati ​​dal sistema a soddisfare i termini del prestito. Quando fanno domanda per un prestito, i partecipanti possono scegliere un periodo di mining per ricevere ulteriori premi dopo che il prestito è stato completamente rimborsato. Se questa opzione è abilitata, il prestatore deve tenere il token ELIX nel suo portafoglio per un certo periodo nel sistema (simile alla Prova di palo). Al termine di questo periodo di conservazione, il sistema Elix distribuisce i premi sotto forma di un nuovo token, "Token P" (molto probabilmente questo token avrà un nome diverso in futuro).

Se il mutuatario paga il prestito in tempo, il premio viene diviso tra il prestatore che riceve il 65% e il mutuatario che riceve il 35%. Se il mutuatario ha pagamenti in ritardo, il creditore riceve il 100% di questa commissione.

Il token P avrà una fornitura massima fissa che il team si aspetta di raggiungere in pochi decenni.

ETHLend (vedi sopra) è probabilmente il maggiore concorrente di Elix nel settore dei prestiti P2P. ETHLend supporta una gamma più ampia di criptovalute che gli utenti possono prendere in prestito, ma non esiste un programma di premi come quello offerto da Elix.

Maker DAO

Negli ultimi mesi, l'ecosistema DAO Maker è cresciuto costantemente, mentre il prezzo dell'ETH è diminuito. Il debito totale emesso oggi è di oltre 76 milioni di dollari in Dai (una banca stabilita legata al dollaro USA) con oltre 2 milioni di ETH (per un valore di oltre 200 milioni di dollari al cambio attuale al momento della stampa) come garanzia. Ciò significa che per ogni dollaro emesso in Dai, circa 3 dollari in ETH sono costituiti in garanzia. Questo viene fatto per compensare la volatilità dell'ETH.

Maker DAO è una delle dApp più preziose nell'ecosistema Ethereum ed ha avuto successo grazie alla sua struttura di gestione decentralizzata. Grazie a un sistema piuttosto complesso di contratti intelligenti, gli utenti possono prendere in prestito token Dai legati al dollaro con ETH bloccato come garanzia.

Il CDP (Collateralized Debt Position) è un contratto intelligente che consente la creazione di nuovi token Dai con ETH come garanzia. Se il prezzo ETH scende al di sotto del livello di prezzo della garanzia, la posizione viene liquidata e l'utente mantiene in prestito i token Dai. I CDP stanno diventando sempre più popolari; nonostante il mercato ribassista, il numero totale di CDP è aumentato del 300% negli ultimi quattro mesi sulla piattaforma DAO di Maker.

Ci sono diversi motivi per cui i CDP sono utili sia per il mutuatario ordinario sia per lo speculatore crittografico.

In primo luogo, come un normale prestito: proprio come le persone prendono in prestito denaro per le loro case o per l'oro, si può prendere in prestito Dai con il dollaro ancorato con Ethereum come garanzia. Ma la differenza è che il processo è automatizzato e anche più rischioso a causa della volatilità dell'ETH.

In secondo luogo, si tratta di posizioni con leva finanziaria: si può prendere in prestito Dai e usarlo per acquistare più ETH. Ad esempio, supponiamo che tu prenda 15 ETH e apra il CDP per ottenere Dai del valore di 10 ETH. Ora, se acquisti ETH con il DAI preso in prestito, la tua esposizione diventa 25 ETH invece di 15. Ma questo è ovviamente associato al rischio di liquidazione se il prezzo scende in modo significativo.

In terzo luogo, come token arbitraggio: supponiamo che tu abbia ETH. Ora, invece di liquidare la tua posizione, puoi semplicemente prendere in prestito Dai e usarlo per acquistare altri token. Se il token supera l'ETH, puoi vendere una parte di questa risorsa e riscattare l'ETH indietro, preservando sia i token in eccesso acquistati che i tuoi ETH originali.

L'ecosistema DAO di Maker è gestito dal token Maker (MKR). La sua capitalizzazione di mercato ammonta a $ 313 milioni, rendendolo uno dei token ERC-20 più preziosi.

In generale, Maker DAO ha diverse applicazioni, la principale delle quali è la loro stablecoin. Ma anche la funzione prestiti è significativa. Tuttavia, rimane solo un puro servizio di prestito cripto; inoltre, il servizio è di fatto "intrappolato" all'interno di un singolo ecosistema blockchain (Ethereum).

Come vediamo, il mercato delle soluzioni di prestito decentralizzate P2P si sta gradualmente riempiendo di progetti basati su tecnologie blockchain. Tuttavia, tutte queste soluzioni presentano una serie di limitazioni impossibili (o almeno difficili da superare).

Uno dei limiti principali è che la maggior parte di queste soluzioni sono "chiuse" all'interno di un singolo ecosistema di criptovaluta / blockchain (Ethereum, in particolare). Ma anche quando alcuni di questi servizi di prestito funzionano con diverse cripto-attività diverse, la loro varietà è spesso limitata a un paio di quelli più popolari. Inoltre, la maggior parte dei servizi sta cercando di legare i propri utenti al token nativo, il che contribuisce all'esclusività di questi sistemi piuttosto che alla loro apertura. Quindi, in questi casi, possiamo tralasciare qualsiasi effetto di rete, seria scalabilità o possibilità di costruire una rete più o meno globale.

In altre parole, le soluzioni di prestito P2P decentralizzate basate su blockchain ereditano tutti gli stessi problemi dai progetti blockchain di livello 1 di base (Bitcoin, Ethereum, ecc.). Questi problemi includono anche la mancanza di atomicità delle transazioni (nei casi in cui sono coinvolte transazioni cross-chain o ci sono transazioni da fiat a criptovalute).

A differenza dei servizi di credito decentralizzati, le reti di credito decentralizzate non possono solo superare gli svantaggi sopra menzionati dei servizi basati su blockchain, ma anche espandere significativamente le opportunità offerte agli utenti esistenti e potenziali (comprese le aziende).

La principale differenza tra i servizi di credito decentralizzati e le reti di credito decentralizzate è che quest'ultima, oltre a garantire una maggiore scalabilità e interoperabilità, fornisce anche la transitività della fiducia. I servizi devono fare affidamento su terzi (in particolare, per valutare l'affidabilità creditizia dei mutuatari). Al contrario, ciascun membro della rete nelle reti di trust transitive stabilisce le proprie linee di fiducia con altri utenti. E facendo go, valuta e sopporta tutti i rischi. Allo stesso tempo, altri partecipanti possono utilizzare le proprie linee di fiducia (ad esempio, quando si effettuano pagamenti multi-hop, ecc.). Un partecipante disonesto avrà meno linee di fiducia con altri membri della rete, o addirittura non ne avrà affatto. Pertanto, l'autoregolamentazione della rete di credito avverrà senza la necessità di un ulteriore coinvolgimento di terzi.

Tutto ciò è reso possibile dalle speciali soluzioni tecnologiche utilizzate in essi.

Trustlines Network è una piattaforma P2P basata su Ethereum per la creazione di reti IOU. Basato sul concetto originale alla base di Ripple, introdotto da Ryan Fugger nel 2004, il Trustlines Network consentirà agli utenti di creare denaro ed effettuare pagamenti sicuri tra loro. L'idea di alto livello è che gli individui offrano credito alle persone di cui si fidano e solo per un importo che considerano equo. Questo credito fornito è denaro valido per chiunque si fidi del creditore. Pertanto, Trustlines Network è come l'attuale sistema monetario basato sul credito, in un certo senso, ma al posto delle sole banche, chiunque può diventare un creditore.

Poiché la scalabilità del sistema dipende da utenti ben collegati, gli utenti sono motivati ​​a stabilire quante più connessioni possibili. Questo viene fatto includendo una piccola commissione di capacità in ogni transazione, che viene pagata agli utenti / nodi che lavorano come intermediari che collegano due nodi finali. Oltre alla commissione di capacità, vi è una commissione di inoltro (maggiori informazioni sui relè di seguito), una commissione di squilibrio (una commissione per l'aggiunta di uno squilibrio a una linea di fiducia utilizzata) e la commissione di transazione Ethereum. Facoltativamente, gli utenti possono anche aggiungere un tasso di interesse a uno qualsiasi dei loro debitori.

Nell'ecosistema Trustlines Network può esistere un numero arbitrario di reti valutarie, che utilizza un contratto intelligente relativo alla Token Factory della rete valutaria. Pertanto, non esiste un singolo "token Trustline", ma invece un numero arbitrario di valute coesistenti che condividono solo la piattaforma Trustlines Network, denominata Trustline Money. Dal punto di vista di Helsinki, questo tipo di rete IOU dinamica significherebbe essenzialmente che la città dovrebbe agire come una banca centrale di sorta.

L'idea è abbastanza promettente, ma TN è ancora legato esclusivamente alla piattaforma Ethereum, che limita fortemente la versatilità e la scalabilità di questa soluzione.

Il protocollo GEO è un protocollo P2P decentralizzato per il trasferimento di valore. L'idea di base è molto simile all'idea del Trustlines Network (o meglio, l'idea originale di Rian di Ryan Fugger). Ma, a differenza di TN, GEO ha un approccio più globale al problema - inoltre non è legato a Ethereum o a qualsiasi altra blockchain di livello 1.

Il GEO è una soluzione di protocollo di livello 3, uno dei cui principali obiettivi è risolvere il problema di interoperabilità di vari ecosistemi di criptovaluta e blockchain, nonché di collegarli con i sistemi finanziari tradizionali. In altre parole, gli sviluppatori del protocollo GEO si sono posti il ​​compito di fornire la possibilità di creare la cosiddetta Internet of Value: un sistema universale che unisce tutti i possibili portatori di valore, nonché i sistemi per il suo trasferimento, in un unico rete globale di scambio di valore.

Come puoi vedere, questa attività è molto più ampia di quella considerata in questo articolo. Tuttavia, il protocollo GEO consente anche la creazione di una serie di casi d'uso basati sulla sua tecnologia, uno dei quali è una rete di credito P2P decentralizzata: una rete in cui ogni utente può definire, creare e mantenere i propri collegamenti di credito.

Altri vantaggi della tecnologia del protocollo GEO includono:

  • Fornisce atomicità di tutti i pagamenti (compresi i pagamenti cross-chain).
  • Trova automaticamente i percorsi di pagamento tra i nodi senza collegamenti di credito diretti e determina anche la capacità di pagamento massimo (flusso massimo) di questi percorsi.
  • Consente la compensazione automatica delle obbligazioni di debito reciproco (individuazione e chiusura dei cicli di debito tra più partecipanti alla rete - fino a 6 hop).
  • Protocollo agnostico off-chain e blockchain.
  • Consenso locale tra i nodi direttamente coinvolti in un determinato pagamento; un sistema unico per la risoluzione di possibili conflitti, basato su Osservatori.
  • Maggiore privacy (tutte le informazioni su connessioni e pagamenti sono archiviate localmente sui nodi stessi), oltre alla crittografia post-quantistica viene utilizzata nel protocollo.

Anche il protocollo Dharma è una soluzione di protocollo, ma in vista della tokenizzazione dei debiti in senso lato. Il progetto prevede di raggiungere questo obiettivo standardizzando il processo di emissione, certificazione e gestione dei debiti tokenizzati.

In precedenza, il team di sviluppo del Dharma ha cercato di implementare soluzioni individuali per tipi specifici di obbligazioni di debito, ma in seguito ha capito la necessità di creare una soluzione globale e universale, che è ciò che hanno iniziato a fare.

Possibili casi d'uso stanno costruendo le seguenti soluzioni specializzate sul protocollo Dharma come:

  • Obbligazioni municipali con token: i comuni spesso finanziano progetti di infrastrutture pubbliche emettendo obbligazioni municipali. Utilizzando lo standard di debito aperto, i comuni, grandi e / o piccoli, possono vendere obbligazioni tokenizzate direttamente ai loro cittadini in un processo simile a un ICO.
  • Prestito di margine decentralizzato: un sistema finanziario sano richiede sia speculatori che scettici, quindi i margini di acquisto e vendita sono componenti fondamentali di qualsiasi mercato finanziario liquido. Utilizzando lo standard di debito aperto, è possibile creare schemi di prestito a margine peer-to-peer utilizzando contratti intelligenti e oracoli di price-feed.
  • SAFT con token: i progetti spesso raccolgono enormi quantità di capitale al fine di finanziare le loro eventuali vendite di token in veicoli noti come SAFT. Con uno standard di debito aperto, gli accordi SAFT possono essere tokenizzati come token di debito generici, in cui il rimborso previsto è definito in unità del token di protocollo che sarà presto implementato.

Quindi, Dharma è un progetto interessante con un approccio adeguato a un problema specifico. Ma sono ansiosi di risolvere esattamente questo particolare problema, piuttosto che affrontare obiettivi più ampi. Tuttavia, questo progetto può contribuire notevolmente a tali compiti più ampi.

Il vero potere delle soluzioni di prestito decentralizzate P2P sarà riconosciuto solo se riusciranno a diventare non solo servizi, ma reti (o parte integrante di reti globali più estese). Quindi, in effetti, l'idea originale di questi sistemi sarà pienamente realizzata e la loro utilità per tutti aumenterà in proporzione al numero di istituti di credito e mutuatari nella rete (l'effetto della rete).

Qualsiasi servizio (in gran parte o interamente) centralizzato, o il suo legame con uno qualsiasi degli ecosistemi esistenti (o la creazione del proprio, chiuso e / o non collegato al resto) rappresenta solo mezze misure. Sarebbe un tentativo di limitare e dare priorità a ciò che dovrebbe essere aperto, senza confini e accessibile a tutti.

Al momento, la maggior parte delle soluzioni esistenti finora rappresenta, in misura maggiore o minore, le stesse mezze misure appena menzionate. Tuttavia, stanno emergendo tecnologie come il protocollo GEO, che offre l'opportunità di liberare tutto il potenziale delle reti di credito decentralizzate e altro ancora.

Segui il protocollo GEO su:

[Medio | Twitter | GitHub | Gitter | Telegram | LinkedIn | Youtube ]

Originariamente pubblicato su hackernoon.com il 26 febbraio 2019.