Accessibilità vs. estetica

Ecco un fatto freddo e irrefutabile: l'accessibilità supera l'estetica. Ogni volta. Non mi importa quanto sia bello o storico il tuo posto. Se le persone disabili fanno fatica, non va bene.

(Dichiarazione di non responsabilità: non sto parlando di edifici che sono stati eretti prima del 1600. Tuttavia, come studente di storia, sostengo pienamente rendere i siti storici il più accessibili possibile. Non è poi così complicato, essere onesti. Corrimano, rampe, lingua dei segni la disponibilità e le descrizioni audio sono disposizioni che ho visto in diversi hotspot storici. Può essere fatto. Ma ovviamente, devi prima preoccupartene. E molti no.)

Stavo parlando con un amico dell'accessibilità nelle università e questo ci ha fatto pensare alle nostre stesse istituzioni. Il mio sindacato studentesco si trova in un castello finto del XVI secolo e puoi immediatamente vedere quanto sia inaccessibile. Un'enorme scala per entrare in un ingresso. Per entrare in un certo bar? SCALA A CHIOCCIOLA. RAIL RAIL. Sono scivolato giù dalle scale così tante volte in così tanti posti a) non c'è corrimano o b) il "binario" non è fisso e rigido.

PSA: LA CORDA NON È UN BUON MATERIALE PER MANIGLIA.

"Ma sembra così bello!" Dici. "Estetico!"

* alza gli occhi al cielo *

No. Stai dicendo che le questioni estetiche sono più che le persone disabili? Perché se lo sei, sei una persona di merda e devi ripensare le tue priorità.

Senti, capisco perché la gente lo dice. Le cose carine sono fantastiche. A tutti piacciono le cose carine; ci fanno stare bene. Ma - devi assicurarti che sia carino e accessibile. E l'accessibilità deve venire prima. Deve. I bisogni fondamentali delle persone sono la cosa più importante. Se devi scegliere tra bellezza e salute? Scegli la salute. La salute conta più di qualsiasi altra cosa tu possa fare riguardo all'estetica. Anche se il tuo posto di lavoro è un luogo storico, devi accontentarti. Non è difficile. Ciò che è difficile è la mancanza di assistenza e motivazione delle persone non disabili quando si tratta di rendere la vita più facile e più aperta alle persone disabili.

Persone non disabili - Vi esorto a iniziare a guardare spazi pubblici, a ingressi, interni, esterni. Quali strutture hanno per aiutare le persone disabili? Ci sono difetti? Problemi? Se riscontri problemi, parla. Le persone disabili non sono le uniche a lottare per l'accessibilità. Abbiamo bisogno che tu combatta con noi.

E un promemoria sempre rilevante: l'accessibilità non è solo cose come rampe e ascensori. Sono cose come caratteri e Braille, interpreti, posti a sedere, prendere appunti, descrizione audio, sottotitoli. Sono le disposizioni che consentono alle persone disabili di accedere alle cose che le persone non disabili possono usare ogni giorno senza preoccuparsi di poterlo fare. Non avrei dovuto dichiarare l'ovvio. Ma i non disabili ne sono ignari.

Esempi delle mie sistemazioni di accessibilità all'università nel corso degli anni:

  • computer portatili e tempi supplementari per gli esami
  • un'indennità per impiegare più tempo a camminare tra i luoghi senza essere richiamati o sgridati per essere un po 'in ritardo
  • un bagno accessibile e privato
  • appunti delle lezioni se ne ho bisogno
  • apparecchio per la registrazione di lezioni

Tieni presente che le sistemazioni di ogni persona disabile sono diverse. Sono su misura e specifici. Ma così tanti posti non riescono nemmeno a gestire i più elementari.

Perché? Perché le aziende apprezzano di più l'estetica. Pensano disabili = solo sedie a rotelle. E non pensano che ci siano molti utenti su sedia a rotelle. Dato che ci sono "solo alcuni", ritengono opportuno ignorare qualsiasi cosa possano fare perché non credono che il luogo attirerà le persone disabili. Che non ha senso mettere su rampe ecc. (Non stai ottenendo clienti disabili perché "non esistono". Non li ottieni perché NON POSSONO ENTRARE.) Dopo tutto, c'è solo una manciata delle persone disabili, giusto?

Avviso spoiler: si sbagliano.

una panoramica dei dati sulla disabilità nel Regno Unito

13,3 milioni non sono "pochi". Siamo in molti. Abbiamo bisogno di accessibilità. E abbiamo bisogno di persone non disabili che lottino per questo con noi. Abbiamo bisogno che le persone si preoccupino.

Annie Elainey, una meravigliosa attivista per le disabilità, ha dichiarato: "Il futuro è accessibile".

Non ci resta che farlo.

-

Lily è una scrittrice, attivista e medievista disabile non binaria. Ha conseguito un master in letteratura medievale presso l'Università di Edimburgo e vive in Inghilterra. Puoi trovarla su Twitter o sul suo Patreon, dove pubblica saggistica medievale, poesie e fantasie queer fantasy.